Il mio racconto di viaggio per il concorso di MuseoCity

Qualche giorno fa mi è arrivata la comunicazione di aver vinto un premio con il racconto di viaggio con cui ho partecipato al concorso indetto da MuseoCity.

MuseoCity è un’Associazione senza scopo di lucro che opera per la promozione e la valorizzazione del  patrimonio museale milanese con il fine di  di incrementare il coinvolgimento del pubblico e la partecipazione alla vita artistico-culturale della città, conferendo al Museo anche una dimensione di accoglienza.

Per far fronte al periodo di lockdown l’associazione ha organizzato un concorso settimanale “Capolavori e tante storie fai da te”: ogni settimana era scelta un’opera contenuta in uno dei musei di Milano e venivano associati ad essa un concorso sul disegno ed uno sul racconto. Ognuno poteva quindi presentare un’opera per categoria a settimana. Nella categoria disegni vi era una riproduzione da stampare e colorare (o riprodurre secondo la propria fantasia e con tecnica a scelta) mentre per i racconti vi era un incipit (sempre legato all’opera prescelta) e l’autore aveva il compito di continuare la storia.

Nella settimana fra il 20 ed il 26 Aprile l’opera scelta era la scultura di Francesco Messina “Bambino al mare” conservata nello Studio Museo Francesco Messina (Milano).

Ecco il mio racconto:

“Sono un bambino. Osservo il mare. Il mare sa essere calmo, tranquillo, arrabbiato,
agitato, tempestoso, spumeggiante proprio come me. E i miei stati d’animo. Alle volte mi chiedo…”

Cosa c’è dall’altra parte di questo blu così grande e profondo? Forse un bambino come me, che si fa le stesse domande.

Un giorno mi piacerebbe prendere una di quelle grandi navi che ho visto al porto e andare lontano.

Non mi sono mai allontanato dal mio paese: conosco bene il mio giardino e la strada  da casa a scuola e ogni albero del parco giochi dove incontro i miei amici.

Ma il nonno mi ha raccontato che il mondo è molto più grande. Grandissimo. Mi ha mostrato un planisfero, una specie di mappa del tesoro, come quella che ho visto nel film con i pirati assieme a papà. Il nonno mi ha detto che sul planisfero c’è tutta la terra e che è qualcosa di meraviglioso, più di tutti i giochi insieme.

Nel mondo ci sono palazzi altissimi, più alti delle nuvole, con ascensori così veloci che si arriva in cima in un attimo. Ci sono foreste e boschi dove è impossibile conoscere tuti gli alberi che li compongono e dove vivono in libertà quegli animali che mi piacciono tanto e che una volta ho visto allo zoo. Nel mondo ci sono mercati galleggianti e posti, che si chiamano musei, che raccolgono disegni di persone molto brave. E poi ci sono chiese giganti, strade lunghissime, fiumi, laghi, montagne normali e montagne di ghiaccio…

Nel mondo ci sono tanti bambini ed alcuni hanno la pelle marrone, altri bianca, altri gialla…

Un giorno mi piacerebbe prendere una di quelle grandi navi che ho visto al porto e andare lontano. Andare a trovare tutti questi bambini…

Le immagini che vedete a corredo del racconto sono state realizzate per me da Pietro Barone, un bravissimo illustratore. Belle vero?

 

26 pensieri su “Il mio racconto di viaggio per il concorso di MuseoCity

  1. Simona ha detto:

    Mi sembra proprio una bella iniziativa per coinvolgere le persone in un momento difficile per i musei e non solo. Complimenti per la vittoria! E complimenti anche a Pietro Barone per le deliziose immagini che accompagnano il racconto.

    Piace a 1 persona

  2. Simona ha detto:

    Non conoscevo affatto questa iniziativa e ti ringrazio per avermela fatta conoscere. complimenti per la vittoria e per il bellissimo racconto, mi piace molto come hai interpretato il contest. E complimenti anche all’autore delle illustrazioni!

    Piace a 1 persona

  3. Valeria ha detto:

    Bella l’iniziativa e bello il tuo racconti, che parte dal particolare, da quei due grandi misteri che sono il mare e lo sguardo del bambino , per spaziare sulle bellezze di questo nostro mondo così grande e vario, di cui due soli mesi di lockdown hanno creato tanta straziante noxtalgia.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...